Strambotico ” Vuoi combattere il cambiamento climatico? Non avere figli

Volete combattere il cambiamento climatico? Non avere figli

Commenti

Francesco Lontano

Se si vuole combattere il criscaldamento globalemoderare il consumo di carne può aiutare. E ridurre o eliminare tutti quei voli aerei superflui, come stanno facendo molti scandinavi, non è male. Ma se si vuole veramente combattere il cambiamento climatico alla radice, la cosa migliore che si può fare oggi è andare alla clinica della fertilità più vicina. avere una vasectomia o legatura delle tubeMeno uomo c’è sul pianeta, meno impatto avrà, non solo sul clima, ma su tutte le risorse, dall’acqua dolce ai combustibili fossili.

Questa infografica è stata elaborata dalla rivista Lettere di ricerca ambientale dalla relazione Il divario nella mitigazione del clima dei ricercatori Seth Wynes (Università della British Columbia) e Kimberly Nicholas (ULund University). Elenca i modi più efficaci per mitigare gli aumenti della temperatura globale. Da minore a maggiore:

Fare clic sull’immagine per vederla a grandezza naturale.

Azioni a basso impatto:

-Sostituire le lampadine con lampadine a basso consumo energetico

Azioni a medio impatto:

-Lavaggio a mano dei vestiti

-Riciclaggio

-Lavare i vestiti in acqua fredda

-Sostituire l’auto convenzionale con un ibrido

Azioni ad alto impatto:

-Adottare una dieta vegetariana

-Sbarazzatevi anche dell’auto elettrica.

-Consumo di energia rinnovabile

-evitare un volo transatlantico all’anno

-Vivere senza macchina

-Per avere un figlio in meno.

Quest’ultima azione (ridurre la nostra prole) è di gran lunga l’atto più importante che possiamo fare (o non fare, per meglio dire) per ridurre l’aumento delle emissioni di gas a effetto serramentre “le emissioni cumulative dei nostri discendenti diminuiscono notevolmente se si riducono le emissioni di ciascun paese”. Ogni bambino in più contribuisce ogni anno all’atmosfera con 55 tonnellate di CO2.mentre un volo transatlantico rappresenta “a malapena” 1,7 tonnellate di CO2, 30 volte meno.

Il rapporto tra aumento della popolazione e aumento della temperatura è lineare e comprovato. Questo altro grafico preparato da Enerdata nel 2015 mostra come Le emissioni di CO2 nell’atmosfera iniziano a crescere agli albori della rivoluzione industriale. (1850), sfruttando un secolo più tardi, in 1950, con la ‘esplosione demografica. Anche se la crescita demografica si è moderata in questo secolo ed è probabile che si stabilizzi intorno al 2080, per allora potrebbe essere troppo tardi, perché l’inerzia del riscaldamento dovuto alle emissioni del passato è già inarrestabile. E’ il AntropoceneAmici.

Come ha scritto lo studioso Travis Rieder in Ingegneria della popolazione e la lotta contro il cambiamento climatico”.come titolo di un’opera accademica che raccoglie i punti principali del libro Verso una piccola etica familiare:

“Procreating non solo creiamo una nuova persona che emette gas serra, ma anche quella persona può procreare a sua volta (….) Se riduciamo i tassi di natalità alle proiezioni dell’ONU sulla “bassa fertilità” significa una riduzione annuale di 5,1 miliardi di tonnellate di carbone entro il 2100.

È possibile leggere un riepilogo di Il divario nella mitigazione del clima in Porta della ricerca. Con informazioni da Fisica e cultura scientifica.

Seguici su Facebook e Twitter!

Più legno, è la guerra!

– I dieci migliori manifesti del cinema spagnolo

– Dieci segni di identità che si pensava fossero spagnoli (e in nessun modo)



Controlla anche

Come molti wafer si dovrebbe mangiare per inghiottire un gesù Cristo tutto? – dinotizie

08/07/201622/08/2017 Illustrazione: Daniel Rosso Jr. “Quando stavo per essere consegnati alla loro Passione, volontariamente accettata, …

Seins-545×455 – dinotizie

Seins-545×455 – dinotizie Spostamento di voci

Gettati in mare le ceneri di un morto tra i bagnanti dalla spiaggia di Algeciras – dinotizie

23/08/2019 I nuotatori, che ha trascorso il pomeriggio di lunedì presso la spiaggia playa de …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *