Strambotico ” Quando il sindaco di Benidorm si recò a Madrid in Vespa per convincere Franco ad autorizzare il bikini.

Quando il sindaco di Benidorm si recò a Madrid in Vespa per convincere Franco ad autorizzare il bikini.

Commenti

Jaime Noguera

13900857_10153954468219069_1066635656_n

All’inizio degli anni ’50, un sindaco visionario ha viaggiato per otto ore da Benidorm a Palazzo El Pardo montato su una VespaPerche’? Convincere il dittatore che un modo economico per riempire le casse dello stato povero era attraverso il turismo. Ma non vestendo i camerieri come torerieri o regalando crema solare, No.

La proposta della Comunità per eccellenza è andata direttamente contro la proposta della Commissione. la modestia nazional-cattolica del regime franchista. Si trattava di per consentire l’uso del bikiniFranco sarebbe rimasto fedele alla morale cristiana o avrebbe attirato il pragmatismo di fronte alla possibilità di attirare sulle nostre coste l’ambìto valute esteres, la chiave per ripulire l’economia malconcia di una Spagna isolata?

Il primo bikini della Spagna

Alla fine degli anni ’40, l’uso di questo costume da bagno era proibito per motivi di provocazione in tutto il territorio spagnolo. Su spiagge come quelle di Santanderc’erano annunci pubblicitari che condannano l’uso dei “due pezzi” e tuttavia, sarebbe in questa città nel nord della Spagna dove si vedono i primi modelli di questo costume da bagno nel nostro paese. Il motivo? La sua vicinanza a Franciadove è stato creato. Infatti, secondo un articolo di Gabriela Balarezo in Il mondoEra un gala dei ventenni (che guardava le gare di fronte alla baia con un gruppo di amici). il primo ad essere fotografato nel 1948 con il famoso bikini.

14693550538506

La guerra dei bikini

Una buona giornata all’inizio degli anni ’50, una delle tante viaggiatori stranieri che ha scoperto che Vergine Spagna (dal punto di vista turistico), seduti tranquillamente in bikini in un bar sulla spiaggia di Benidorm. Le sue vacanze sono state disturbate dalla realtà carpetovetonica quando, dal bene al primo momento, un Guardia Civile ha piantato nel suo naso una multa con 40.000 pesetasIl movente? L’abbigliamento corto che indossava aveva rivoluzionato una parte della popolazione e scandalizzati al vostro settore piu’ pacifico.

20t4bgz

E’ li’ che era sindaco. Pedro Zaragoza Orts (1922-2008). Era venuto all’accusa della mano di Falange e JONS e già nel 1951 divenne il motore di un moderno piano di urbanizzazione che avrebbe finito per trasformare questa tradizionale città di pescatori nella “.New York del Mediterraneo”.. Saragozza, un visionario della vacanza ricreativa, ha reagito con misure liberali sul bikini dopo l’incidente. Era ovvio per lui che un luogo che voleva vivere in questo settore doveva far sentire i suoi visitatori a proprio agio. Non solo ha pensato che i turisti che hanno optato per i famosi “due pezzi” per prendere il sole dovrebbe essere comodo sulle spiagge di Benidorm, ma ha anche messo per iscritto attraverso un decreto comunale e sanzionando coloro che insultare i loro utenti. Su appuntamento Diarioinformazione.esil sindaco ha pensato cheSe vuoi che la gente venga al tuo villaggio per le vacanze, devi essere pronto ad accoglierlinon solo loro, ma anche anche alle loro culture.”

montajebeni

Tuttavia, nel file di configurazione Spagna cattolica nazionale del tempo non era quello di ricevere il mostra cache e spalle all’aria, quel festival del battito del ventre straniero. Le numerose proteste dei vicini mojigatos contro il decreto permissivo giunsero all’arcivescovo di Valencia, Marcelino Olaecheache non ci ha pensato due volte quando si trattava di minacciare direttamente il sindaco di Benidorm con le sue minacce. scomunica. Il provvedimento ecclesiastico fu sostenuto dalla Guardia Civil, forse stanca di dover trattare in modo sterile su questa materia con la torre femminile di Babele che si abbronzava su ogni spiaggia.

scan0014

“Proteggetevi dall’oscenità sotto il mio mantello.”

Pedro Saragozza ha cercato di ribaltare la convinzione dell’arcivescovo cercando, senza successo, di ottenere il sostegno pubblico del governatore civile di Alicante e del ministro dell’Interno. Dopo risposta tiepida di queste due alte accuse alle sue memorie, il buon sindaco ha deciso di prendere in considerazione la padella per le corna. Ha rischiato la separazione del matrimonio e la perdita di molti diritti.

Alla ricerca del Caudillo, in Vespa

Un’alba, montata sulla sua VespaQuesto quijote di Alicante è partito per Madrid con l’idea di ottenere la benedizione per il bikini dello stesso. Francisco Franco. Gli è costato otto ore per raggiungere il palazzo di Il Marronedall’allora capo di stato.

“Ho detto la verità a Franco. Avevamo bisogno di valuta estera e il turismo ce le ha offerte. «

Dopo le spiegazioni del sindaco di Benidorm, secondo le spiegazioni del sindaco di Benidorm. Le province.es La risposta di Franco alla mostra di Saragozza è stata la seguente:

D’ora in poi, Saragozza, quando hai un problema, non andare dal governatore civile, trattare direttamente con me. Ora, andate a Benidorm e andate da Benidorm. fare quello che devi fare.”

Inutile dire che le minacce dell’arcivescovado sono state tutte spazzate via. Sei mesi dopo l’incontro, Camilo Alonso VegaMinistro dell’interno, sua moglie e sua moglie, e Carmen PoloLa moglie di Franco è andata a Benidorm e ha trascorso una settimana a casa del sindaco. Iniziò così una lunga amicizia tra la famiglia del dittatore e il comune. Saragozza, oltre a trasformare il comune valenciano in una delle più grandi città di Zaragoza. potenza turisticaha creato l’elemento Festival della canzone che ha catapultato in cantanti di fama come Raffaello o Julio Iglesiasgrande amante dei bikini.

740full-julio-iglesias

Nota Nel 2014, Oscar Bernàcer ha diretto il cortometraggio.Bikini: una storia verache narrava le avventure di Pedro Saragozza e il suo incontro con il Caudillo, interpretato da Sergio Caballero y Carlos Areces. All’interno di un rimorchio:

(embed)https://www.youtube.com/watch?v=YU6GT8pzrwI(/embed)

Con informazioni da Il mondo , Diarioinformazione.es y Informazioni.es .

Immagine del lavoro di intestazione di Acuità visiva creativa.

Jaime Noguera usa trikini ed è autore di Spagna: Guerra Zombi’ (guerra degli zombie).

Seguici su Facebook e Twitter!

Andiamo in spiaggia, oh-oh-oh-oh-oh-oh-ho-ho-hooooo:

-Dieci indimenticabili canzoni estive (in tutti i sensi)

-Da come la spiaggia è passata da luogo minaccioso a luogo di gioiosa ricreazione familiare.

– Otto villaggi rendono omaggio alla cannabis nei loro scudi e nelle loro bandiere

Tags: benidorm, bikini, carlos areces, carmen polo, centinela de occidente, desnudez, el pardo, falange, francisco franco, guardia civile, guiris, JONS, julio iglesias, marcelino olaechea, moto vespa, oscar bernàcer, pedro zaragoza, playa, suecas, turismo, viajar, viajar



Controlla anche

mappa cinese, europa bis – dinotizie

mappa cinese, europa bis – dinotizie Spostamento di voci

wyoming – dinotizie

wyoming – dinotizie Spostamento di voci

che bul – dinotizie

che bul – dinotizie Unicode Spostamento di voci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *