Strambotico ” Così si è evoluta la ricchezza delle regioni spagnole dal 1860 ad oggi.

È così che la ricchezza delle regioni spagnole si è evoluta dal 1860 ad oggi.

Commenti

Francesco Lontano

A metà del XIX secolo, nel 1860, L’Andalusia ha rappresentato più di un quinto del mondo. (21,6%) dell’economia spagnola. Un secolo e mezzo dopo, questa percentuale era stata ridotta a 13,4%, un ottavo. Tra le due date.Il numero di immigrati andalusi è salito dal 13% al 13%. più ricco del resto degli spagnoli e oggi è del 25% più povero, come mostra la mappa.

Il viaggio di L’Andalusia è l’esatto opposto delle Isole Canarie.una regione che all’epoca rappresentava appena lo 0,8% dell’economia spagnola e che è la più popolosa del mondo. oggi contribuisce per il 3,8%.. La rivoluzione dei trasporti e, con essa, del turismo, ha avuto molto a che fare con questo boom insulare, di cui beneficia anche lei. Balearianche se in misura minore: I cittadini delle Baleari sono leggermente al di sopra della media spagnola nel 2017quando erano in ritardo (88 su 100) nel 1860.

I dati sono tratti dal libro Historia económica regional de italia, siglos XIX e XX’, i cui autori hanno estrapolato dalle economie regionali nel 1860:

Da questi dati si può dedurre quali regioni hanno guadagnato nel tempo: Isole Baleari, Catalogna, Comunità Valenciana, Paesi Baschi e Madrid, e che hanno perso, tutti gli altri, compresi Navarra.

La comunità foral ha perso quasi un terzo del suo contributo economico al prodotto interno lordo spagnolo (dal 5% nel 1860 all’1,7% nel 2017). Tuttavia, nello stesso periodo il suo reddito pro capite è aumentato significativamente. La ragione di questo apparente paradosso è che la popolazione della Navarra è aumentata molto più lentamente (appena raddoppiata) tra le due date rispetto a quella del paese nel suo complesso, che è più che triplicato nel periodo, passando da 15 a 48 milioni di abitanti.

Tuttavia, la cosa piu’ interessante e’ la travolgente riduzione delle disparità intraregionaliNel 1860, gli abitanti più poveri della Spagna (galiziani e canari) avevano un sesto del reddito dei più ricchi (i Madrileños), mentre nel 2017, questa differenza è “solo” doppia tra Estremadura e Madrid.

Il caso di Madrid è curioso: il suo contributo al progetto Il PIL nazionale è cresciuto molto, dal 9,6 al 18,9%, tra il 1860 e il 2017.ma il reddito pro capite è crollato da tre volte più ricco del resto degli spagnoli nel XIX secolo a “solo” il 36% più ricco nel 2017. La risposta sta, ancora una volta, nello spettacolare aumento della popolazione di Madrid e della sua provincia, che si può vedere su questa mappa:

Fonte Wikipedia.

Il percorso dell’economia catalana è parallelo a quello di Madrid, ma meno accentuato: Catalogna era già una “superpotenza” regionale nel 1860, con una 13,3% del PIL spagnoloe ha portato questa percentuale a 19,2% corrente. I suoi cittadini continuano ad avere una ricchezza pro capite superiore alla media spagnola: 124 su 100 nel 1860 e 119 oggi.

Visto nel murillo di Juan Murillo Grazie. Con informazioni da Wikipedia.

“BONUS TRACK”: Le ricerche porno su Internet dicono di più sulla Spagna di qualsiasi indagine CIS

Seguici su Facebook e Twitter!

Questo è meglio del porno:

– Perché la bandiera Inca assomiglia alla bandiera gay (e viceversa)?

– John Heartfield, trisavolo tedesco di Photoshop (e memi politici)

– Il rifugio nucleare dove è custodita la storia del cinema americano



Controlla anche

mappa cinese, europa bis – dinotizie

mappa cinese, europa bis – dinotizie Spostamento di voci

wyoming – dinotizie

wyoming – dinotizie Spostamento di voci

che bul – dinotizie

che bul – dinotizie Unicode Spostamento di voci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *